Loading…
You are here:  Home  >  Featured  >  Current Article

71° DELLA LIBERAZIONE. LIBERTA’ E SCELTE CONSAPEVOLI

Scritto da   /   aprile 25, 2016 6:32 pm  /   Commenti disabilitati su 71° DELLA LIBERAZIONE. LIBERTA’ E SCELTE CONSAPEVOLI

(eleborazione grafica Carmelo Colelli)

di Enzo Carrozzini

Il 71 ° anniversario della Liberazione dal nazi fascismo segna l’inizio di un periodo  importante.Infatti, è quasi certo sarà  che queste ricorrenze civili saranno le ultime a celebrarsi  sotto le insegne della Prima Repubblica (né seconda,  né terza,  con buona pace delle semplificazioni politico-mediatiche),  in vista del Referendum confermativo di Ottobre prossimo del progetto di Riforma  Costituzionale approvato dal Parlamento .  Il tempo che passa inesorabile, purtroppo,  consegna alla memoria il ricordo di quei  protagonisti che diedero avvio alla Resistenza all’indomani dell’8 Settembre 1943 , all’orgoglioso riscatto del   popolo contro l’occupazione nazista col colpevole consenso della dittatura fascista, da cui è nato l’attuale regime democratico, segnando il livello più alto che la classe dirigente del nostro Paese abbia raggiunto.  E da allora la costruzione Istituzionale del Paese viaggiò di pari passo con la sua crescita economica e sociale, fino al ripiegamento degli ultimi trenta anni, laddove ormai  l’insofferenza che i cittadini nutrono  nei confronti di certa  classe dirigente, rinnovata anagraficamente quanto si vuole ma pervasa dalla perniciosa attitudine al tornaconto “particulare”,   finisce per travolgere anche quei presidi Istituzionali che i nostri predecessori    70 fa  hanno   dolorosamente conquistato e  fattoci  dono.  E allora si percepisce ancora più forte la tensione emotiva di questa ricorrenza,  Aprile è il mese della Libertà conquistata, e non potrà  mai barattarsi con interpretazioni semplicistiche e mediatiche tendenti a diminuire l’esercizio della democrazia da parte di un popolo. “Ora e Sempre Resistenza”,   il motto  che ci ha tramandato  Piero Calamandrei, uno dei Padri della Repubblica,   non è il mero  slogan da corteo, bensì  l’esercizio quotidiano  che ogni connazionale  dovrebbe realizzare praticamente per il suo bene e quello della comunità, come ad  esempio l’esercizio del voto.  L’occasione ci è data proprio dal prossimo Referendum Costituzionale, informazione e scelte  consapevoli  segneranno la differenza.

 

“Odio gli indifferenti. Credo che vivere voglia dire essere partigiani. Chi vive veramente non può non essere cittadino e partigiano. L’indifferenza è abulia, è parassitismo, è vigliaccheria, non è vita. Perciò odio gli indifferenti.L’indifferenza è il peso morto della storia. L’indifferenza opera potentemente nella storia. Opera passivamente, ma opera. È la fatalità; è ciò su cui non si può contare; è ciò che sconvolge i programmi, che rovescia i piani meglio costruiti; è la materia bruta che strozza l’intelligenza. Ciò che succede, il male che si abbatte su tutti, avviene perché la massa degli uomini abdica alla sua volontà, lascia promulgare le leggi che solo la rivolta potrà abrogare, lascia salire al potere uomini che poi solo un ammutinamento potrà rovesciare. Tra l’assenteismo e l’indifferenza poche mani, non sorvegliate da alcun controllo, tessono la tela della vita collettiva, e la massa ignora, perché non se ne preoccupa; e allora sembra sia la fatalità a travolgere tutto e tutti, sembra che la storia non sia altro che un enorme fenomeno naturale, un’eruzione, un terremoto del quale rimangono vittime tutti, chi ha voluto e chi non ha voluto, chi sapeva e chi non sapeva, chi era stato attivo e chi indifferente. Alcuni piagnucolano pietosamente, altri bestemmiano oscenamente, ma nessuno o pochi si domandano: se avessi fatto anch’io il mio dovere, se avessi cercato di far valere la mia volontà, sarebbe successo ciò che è successo? Odio gli indifferenti anche per questo: perché mi dà fastidio il loro piagnisteo da eterni innocenti. Chiedo conto a ognuno di loro del come ha svolto il compito che la vita gli ha posto e gli pone quotidianamente, di ciò che ha fatto e specialmente di ciò che non ha fatto. E sento di poter essere inesorabile, di non dover sprecare la mia pietà, di non dover spartire con loro le mie lacrime.

Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti”.

Antonio Gramsci  11 febbraio 1917

    Print       Email
  • Publicato: 3 anni fa il aprile 25, 2016 6:32 pm
  • Da:
  • Ultima modifica: aprile 25, 2016 @ 8:21 pm
  • Categoria: Featured, Politica