Loading…
You are here:  Home  >  LIBRI  >  Current Article

APERITIVO D’AUTORE, IL VIAGGIO DI RUMIZ FA TAPPA A MASSAFRA

Scritto da   /   gennaio 28, 2017 7:40 pm  /   Commenti disabilitati su APERITIVO D’AUTORE, IL VIAGGIO DI RUMIZ FA TAPPA A MASSAFRA

Mercoledì prossimo il noto giornalista e scrittore triestino presenterà il suo ultimo libro, “Appia”, il racconto del cammino percorso a piedi lungo l’antica via romana, da Roma a Brindisi. L’evento si svolgerà nella singolare cornice del Kikau Store e sarà “bagnato” dai vini delle Cantine Amastuola

Il 1° febbraio Aperitivo d’Autore ritorna a Massafra e lo fa nella singolare cornice del Kikau Store, sulla via Appia. Anche stavolta piuttosto ricercata è la location dell’evento, in quanto ospite del format di Volta la carta sarà il giornalista e scrittore Paolo Rumiz, autore di “Appia” (Feltrinelli Editore), il racconto del viaggio a piedi da lui compiuto (“più per dovere civico che per letteratura”) lungo la prima grande via europea, l’Appia appunto, da Roma a Brindisi. L’incontro con l’autore, come sempre, sarà preceduto da un gustoso aperitivo accompagnato dai pregiati vini biologici Amastuola Organic Wines. Si comincerà alle ore 19. Dialogherà con l’autore il giornalista Vincenzo Parabita, ideatore di Aperitivo d’Autore. Per i partecipanti sarà anche l’occasione per visitare il concept store realizzato su due livelli, che non è semplicemente un negozio, bensì un luogo in cui il cliente, seguendo un percorso sensoriale ben definito attraverso un’accurata scelta di luci, colori, musiche, profumi e sapori, vive un’esperienza sensoriale unica e sempre nuova. Partner dell’evento sono le Cantine Amastuola e la libreria AmicoLibro.
Per partecipare all’evento è obbligatorio prenotare chiamando al numero 380.4385348 oppure scrivendo all’indirizzo email aperitivodautore@gmail.com.

L’AUTORE
Paolo Rumiz è un giornalista e scrittore triestino. Inviato speciale del Piccolo di Trieste ed editorialista de la Repubblica. Esperto del tema delle Heimat e delle identità in Italia e in Europa, segue dal 1986 gli eventi dell’area balcanica e danubiana; durante la dissoluzione della Jugoslavia segue in prima linea il conflitto prima in Croazia e successivamente in Bosnia Erzegovina. Nel novembre 2001 è stato inviato a Islamabad e successivamente a Kabul, per documentare l’attacco statunitense all’Afghanistan. ha vinto il premio Hemingway nel 1993 per i suoi servizi dalla Bosnia e il premio Max David nel 1994 come migliore inviato italiano dell’anno. Molti suoi reportage narrano i viaggi compiuti, sia per lavoro che per diletto, attraverso l’Italia e l’Europa.
Ha pubblicato, sempre con Feltrinelli, “La secessione leggera” (2001), “Tre uomini in bicicletta” (con Altan, 2002), “È Oriente” (2003), “La leggenda dei monti naviganti” (2007), “Annibale” (2008), “L’Italia in seconda classe. Con i disegni di Altan e una Premessa del misterioso 740” (2009), “La cotogna di Istanbul” (2010 e l’audiolibro “Emons-Feltrinelli”, 2011), “Il bene ostinato” (2011), la riedizione di “Maschere per un massacro. Quello che non abbiamo voluto sapere della guerra in Jugoslavia” (2011), “A piedi” (2012), “Trans Europa Express” (2012), “Morimondo” (2013), “Come cavalli che dormono in piedi” (2014), “Il Ciclope” (2015), “Appia” (con Riccardo Carnovalini; 2016) e, nella collana digitale Zoom, “La Padania” (2011), “Maledetta Cina” (2012), “Il cappottone di Antonio Pitacco” (2013), “Ombre sulla corrente” (2014).

IL LIBRO
Paolo Rumiz ha percorso a piedi, con un manipolo di amici, la prima grande via europea, l’Appia, e ce ne riconsegna l’itinerario perduto, da Roma fino a Brindisi, “più per dovere civile che per letteratura”. Lo ha fatto spesso cavando dal silenzio della Storia segmenti cancellati, ascoltando le voci del passato e destando la fantasia degli increduli incontrati durante il viaggio. E ora ci chiama come un pifferaio magico a seguirlo con le gambe e l’immaginazione lungo la via del nostro giubileo, la nostra Santiago di Compostela, della quale viene restituito l’itinerario dopo un secolare abbandono. Da Orazio ad Antonio Cederna (appassionato difensore dell’Appia dalle speculazioni edilizie), da Spartaco a Federico II, prende corpo una galleria di personaggi memorabili e, mentre si costeggiano agrumeti e mandorleti, si incontrano le tracce di Arabi e Normanni. Intanto le donne vestite di nero, i muretti a secco, la musicalità della lingua anticipano l’ingresso nell’Oriente. Per conquistarsi le meraviglie di un’Italia autentica e segreta è necessario però sobbarcarsi anche del lavoro sporco – svincoli da aggirare, guardrail, sentieri invasi dai canneti, cementificazioni, talvolta montagne intere svendute alle multinazionali dell’acqua e del vento – e affrontare la verità dei luoghi pestando la terra col “piede libero”. “È nei villaggi più remoti,” ha scritto il “New York Times” dell’opera di Paolo Rumiz, “tra i laghi e i boschi, in mezzo alla gente comune, che la vera vita delle nazioni rivela la sua trama di colori”. Al racconto fanno da contrappunto le mappe disegnate da Riccardo Carnovalini, che ha trovato il percorso sulle carte, nelle foto aeree e sul terreno, e che ha descritto l’itinerario nel libro: un contributo prezioso e uno strumento utilissimo – considerata l’assenza di segnaletica – per chi volesse seguire le orme di questa marcia d’avanscoperta.

LA LOCATION
Visitare un concept store è viverlo, partecipare alla sua dinamica multisensoriale e moltiplicare le proprie idee sulle possibili soluzioni di living, design e lifestyle. L’esplorazione di un concept store non necessariamente si conclude con l’acquisto di uno o più prodotti, spesso il visitatore viene appagato semplicemente da questa esperienza. L’acquisto effettuato a volte è solo il testimone di questa piacevole sperimentazione e il desiderio di volerla continuare anche all’esterno del concept store. Nel Kikau Store il clima che si respira è proprio quello del concept store internazionale, la prima impressione è quella di trovarsi al centro di una capitale europea dove vengono espresse le ultime tendenze. Lo spazio dell’elegante show room su due livelli, è stato ricavato all’interno di un capannone industriale di circa 1500 mq, situato fronte strada sull’affollata via Appia a poche centinaia di metri dall’uscita dell’autostrada A14. Il lato “concept” del Kikau Store è rappresentato dalla presenza all’interno del negozio di una caffetteria aperta al pubblico dove si possono degustare e acquistare pregiate produzioni dolciarie, vini e prestigiosi distillati. L’elemento centrale e più sorprendente di tutto il Kikau Store è rappresentato da una galleria permanente (di circa 60 mq) chiamata “Scatolanera” che, come sospesa nello spazio dello store, ospita mostre d’arte, di design, di fotografia, concorsi di design e fotografia. Il Kikau Store rappresenta un vero e proprio “hub” nel quale si incrociano le diverse attività del gruppo Kikau: l’attività industriale di serramenti e complementi d’arredo in alluminio di alta qualità, l’attività di produzione di vini di alto pregio (Amastuola Organic Wines), l’attività di ricettività turistica nelle antiche masserie in ristrutturazione, l’attività editoriale di pubblicazione di libri sulla storia e architettura del territorio e l’attività culturale con l’organizzazione di eventi nelle proprie masserie.

I VINI
I vini Amastuola Organic Wines nascono dall’incontro di tradizione e ricerca e sono espressione fedele del terroir unico di Amastuola. Scrupolosa attenzione ai dettagli e rese limitate per ottenere vini biologici di qualità che raccontano, con la loro essenza autentica, l’amore dei proprietari per questa terra straordinaria immersa nel cuore del Mediterraneo. Attualmente i vini prodotti sono i seguenti: Centosassi (primitivo), Primitivo (primitivo), Onda del tempo (primitivo, aglianico, cabernet sauvignon, merlot), Aglianico (aglianico), Capocanale (merlot), Vignatorta (syrah), Ondarosa (aglianico), Calaprice (chardonnay, sauvignon blanc, fiano), Bianco Salento (fiano, malvasia), Dolce Vitae (malvasia bianca di Candia). Tutti i vini hanno ricevuto negli ultimi anni innumerevoli riconoscimenti.

Vincenzo Parabita

APERITIVO D'AUTORE, IL VIAGGIO DI RUMIZ FA TAPPA A MASSAFRA (2)

    Print       Email
  • Publicato: 10 mesi fa il gennaio 28, 2017 7:40 pm
  • Da:
  • Ultima modifica: gennaio 28, 2017 @ 7:42 pm
  • Categoria: LIBRI

About the author

L' 1 Dicembre 2004, pubblica il primo numero in formato cartaceo di "Giornale Armonia", mensile d’informazione locale in distribuzione gratuita per tutto il territorio tarantino, trasformandosi successivamente in edizione on line attualmente in rete. www.giornalearmonia.it