Loading…
You are here:  Home  >  Eventi & Cultura  >  Current Article

L’ESECRATO, SCONOSCIUTO, STRAORDINARIO MONDO DEL RAP

Scritto da   /   febbraio 11, 2019 6:19 pm  /   0 Commenti

Di Zaccaria Alessandra

Oggigiorno sono molti i pareri sul genere musicale rapping, al contempo discordanti: chi sostiene sia solo di cattivo esempio, invoglia i giovani alla ribellione, simpatizza la violenza e all’utilizzo di sostanze stupefacenti; chi invece si trova su una posizione moderata e  vede questo genere come opposizione, sfogo verso una società alla deriva.

In pochi sono a conoscenza che, un gruppo ristretto di artisti utilizza la filosofia, la storia e addirittura la letteratura nei testi rap.

Oggi, a qualche giorno dall’uscita del suo nuovo album “Tenebra è la notte ed altri racconti di buio e crepuscoli”, parleremo di Murubutu, la prova dell’esistenza di un crocevia tra letteratura e musica.

Egli stesso dice:”Mi direte voi come è venuto, io sono contento di aver realizzato un disco intenso che dimostra che il rap può essere una forma artistica in grado di veicolare cultura”.

Murubutu è lo pseudonimo di Alessio Mariani, quarantasettenne originario di Reggio Emilia, oltre la vita da cantante e fondatore del gruppo regionale “La Kattiveria”, di cui troviamo una collaborazione nel nuovo disco, è anche un docente di filosofia e storia in un liceo della sua città.

Tenebra è la notte parafrasa la celebre opera di Fitzgerald, è composto da quindici brani con collaborazioni sia strumentali che vocali di grosso calibro.

Infatti possiamo vedere Beatmaker del calibro di Il tenente, Dj West, Swelto, SuperApe, R-Most, Xxx-Fila, Dj Fastcut e anche musicisti a livello regionale.

In questo album troverete featuring con: Caparezza (Wordsworth), Mezzosangue( L’uomo senza sonno), Claver Gold (le notti bianche), Willie Peyote e Dutch Nazari( occhiali sa luna), la Kattiveria (omega man), Dia( tenebra è la notte) e Daniela Galli (Ancora buonanotte).

I temi trattati all’interno del disco sono innumerevoli e tutti di un certo spessore emotivo ed empatico; si passa dalla solitudine all’argomento delicato della guerra, trattato in “Buio” e in “La notte di San Bartolomeo ” e il lutto. Il  fascino della natura, soprattutto ritrovato nel cielo notturno e nell’uomo capace di sorprendersi sempre, come in “La stella e il marinaio” o ” La notte di San Lorenzo“; inoltre nell’introduzione e nella conclusione il titolo è il termine in greco antico della notte “Nyx”, essa incute terrore persino agli dèi ed è capace di mutare la visione collettiva del mondo. Ispirazione di tipo artistica con riferimenti a: Foscolo, Friedrich, Shelling, Fichte, Dostoevskij, Neruda, Copernico e Keplero,  Kirgkegaard e innumerevoli figure che intercorrono nei secoli. Una canzone è stata interamente dedicata alle lettere di Kafka per la sua Milena (Franz e Milena). Non poteva di certo mancare il tema dell’amore, trovato oltre nella sopra citata “Franz e Milena” anche in  ” La vita dopo la notte” in cui ci si può perdere e ritrovare in un amore così profondo e vero che è capace di vivere in eterno.

Vi lascio con una citazione di “La stella e il Marinaio”:

《Gli servirebbe il cielo vuoto, un telescopio inverso per guardarsi dentro》

Copyright © Giornale Armonia Registrato al Tribunale di (Ta) n.638 del 23/11/2004

Pubblicità

    Print       Email

About the author

L' 1 Dicembre 2004, pubblica il primo numero in formato cartaceo di "Giornale Armonia", mensile d’informazione locale in distribuzione gratuita per tutto il territorio tarantino, trasformandosi successivamente in edizione on line attualmente in rete. www.giornalearmonia.it

Lascia un commento