Loading…
You are here:  Home  >  Eventi & Cultura  >  Poesie & Storie  >  Current Article

MENZIONE SPECIALE PER IL POETA CRISPIANESE VINCI

Scritto da   /   ottobre 14, 2015 8:05 am  /   Commenti disabilitati su MENZIONE SPECIALE PER IL POETA CRISPIANESE VINCI

Il crispianese Michele Vinci riceve per il terzo anno consecutivo un riconoscimento in quello che può essere considerato uno dei più importanti concorsi di scrittura in vernacolo pugliese.
“Il mio cuore, la mia terra, la mia vita”, organizzato dalla UIL-Puglia, in collaborazione con l’A.D.A., quest’anno ha visto in gara circa 200 poesie, tutte raccolte nella nuova Antologia edizione 2014-2015.
Negli ultimi anni stanno aumentando le iniziative per la salvaguardia dei dialetti, patrimoni che non bisogna assolutamente disperdere nel tempo. Queste nostre lingue, ricche di sfumature e peculiarità, spesso sono il modo migliore per esprimere determinati sentimenti, facendogli assumere il giusto sapore.
Così come ha fatto Michele Vinci in questa sua opera premiata, in cui racconta del papà di una sposa, ancora geloso, che vede la sua vecchia poltrona andar via per fare posto agli invitati e al fotografo che di lì a poco immortalerà quel giorno. Ricorda le notti insonni su quella poltrona che martoriava e graffiava, finché sua figlia non rincasava. E prendeva pace solo sapendola a letto, nel riparo della sua casa. Quindi, insieme a quella poltrona, sente che sta andando via anche una parte di sé.
Di seguito il testo completo della poesia.

CHEDDA POLTRÒNE TOTTA RASCKÈTE

Se stone a portene chèdda poltròna vècchije,
stamaténe a venì u fotogrefe e pore le nvetète
u salotte ha stà puléte a spècchije
e le còse vicchije vone scettète.

N’agghije penzète de fessaréije
azzése a chèdda poltròne,
pa paijòre ca te capetève qualche uéije,
o te fascève mèle nguijòne…

Allòre penzève: “Figghija maije, pecce’ fòsce accussì,
firmete e sinte nu picca a me:
u penzire téue me fèsce murì
nange a fazze a fuscere appirse a te…

Sta prèsse de crèsce, ce ijè’?
Pe ijdde tine na véte da passà
fatte nata partéte appirse a me
ormaije sò vecchije, quante agghije a campà?

U sacce, tu stè pronte pe vulà,
m aancòre tènghe tanta paijòre
chessa poltrone pe l’ogne cuntinue a raskà
e aqquanne te pènze, me batte forte u còre…”.

Po’de notte, finalmente nu remòre:
“nà, ijè ijèdde, s’arretrète”…
rumanive deffòre a ragiunà e trasive doppe do ijòre,
tu stutive a lòsce, ma ije stève ancòre rescetète.

Tutte le vote penzève: “mù scènne abbasce
e a cudde ne déche quatte mbacce
e ce parle assè, le fazze na casce
nange u sèpe: pa peccinna maije ijésse pacce”.

E invéce rumanève ferme ferme azzése
e pe l’ogne raskeve chedda poltrone
nu bucchire d’acque pe fa scènne cudde pése
do lacreme citte citte, pe nà sènte nescione!

Doppe, chidd’ogne pe furtòne
pegghijavene reggitte
ije m’addurmescève sòpe a poltròne
e tu finalmente ijnte u litte…

Già ijè créije stu timpe ca ha passète
e ormaije nange pò ijèsse chiù com’aijre
sope a chedda poltrone quanta raske agghije lassète
appirse a tutte chidde brutte penzire.

Ijosce ijè u giurne ca t’agghije avvèrre spusète
ciu sèpe ce a gelosia maije se na scì,
appirse a chedda poltrone raskète,
te ne vè pòre tu e ije me sènte murì!!!

© Giornale Armonia Registrato al Tribunale di Taranto n. 638 del 23/11/2004

Pubblicità

    Print       Email

About the author

L' 1 Dicembre 2004, pubblica il primo numero in formato cartaceo di "Giornale Armonia", mensile d’informazione locale in distribuzione gratuita per tutto il territorio tarantino, trasformandosi successivamente in edizione on line attualmente in rete. www.giornalearmonia.it