Loading…
You are here:  Home  >  Comuni  >  Brindisi & Provincia  >  Current Article

MESAGNE. STORIA CARNASCIALESCA IN DIALETTO

Scritto da   /   febbraio 28, 2017 3:35 pm  /   Commenti disabilitati su MESAGNE. STORIA CARNASCIALESCA IN DIALETTO

Ultimo giorno di Carnevale, e l’amico Carmelo Colelli ci dona una storia di tanti anni fa….

Avi ti stamatina, ca ‘ntra Misciagni sta succeti nu rrivuetu, cristiani ca vanno e venunu ti casa ti ddu puvirieddu, mietici ti tutti li razzi e ti tutti li paisi, sta cercunu cu llu iutunu.
Du cristianu se sintutu brutto npena se azatu, li forzi no llu sta ncumpagnaunu, la mugghieri ca le vistu ccussini, subbutu nce fatti sei ovi sbattuti e nce li fatti ‘mbeviri, ma si vitia ti nfacci ca no stava bbuenu, stava pallutu pallutu, parlava picca e chianu chianu.
A menzatia, li vicini ti casa, tutti bbueni ti cori, a ci ‘nce purtato la bella pignata ti pasuli, a ci ’nce purtatu na bella patella ti purpetti ti pasturedda belli cauti cauti, a ci ‘nce purtatu brasciole nturticchiati cu ll’azza ca erunu chiu grandi ti nnu pugnu ti masculu, a ci ‘nce purtatu sazizza rrustuta, fina e grossa, nu cristanu ca abbata all’angulu, nce purtatu to tamiggiani ti vinu, una ti marvasia nera e n’atra ti liatucu, cu si rripigghia picca picca.
Iddu se mangiati tutti sti cosi, l’annu vistu nu picca chiù rrisuluto e dittu puru qualchi parola ma toppu nnu picca se mmalazzatu arretu.
La mugghieri ca le vistu totta nna vota ccussini se misa a critari e tutti li cristani annu currutu cu vetunu nc’era sussesu.
Tutti sannu tatu da fari, ci e sciutu a Brindisi cu chiama lu megghiù tuttori, ci e sciuto a Lecce e ci e sciutu nfina a Bari cu va pigghia lu megghiu primariu ti lu spitali.
Osci toppu mangiari nce statu lu cunsultu ti sei mietici.
Lu primu mietucu e dittu: “Non eti cosa di tenerlo in questa casa, bisogna portarlo fuori, il moribondo deve prendere aria, devi respirari l’aria ti lu paisi, a va vetiri la villa e la chiazza, a va mangiari all’apiertu ncu nna cosa e devi beri molto”
Lu secondu mietucu e dittu: “Esimiu collega sono t’accordo col tuo parere, però nui mietici prima ti tari da mangiari allu malatu tobbiamo assaggiari ogni cosa per vitere se la robba e bbuona e non puote fargli mali alla pancia.”
L’atri mietici subbutu s’annu truvati t’accordo.
Quandu la mugghieri e ‘ntisu ca nd’erunu a ppurtari Carnuvali, lu maruitu sua, se misa a chiangiri e insieme a edda sannu misi a chiangiri tutti li parienti e li vicini ti casa.
Subbutu annu mpruntatu nu trainu cu nnu bellu cavaddu mansuetu, hannu piggghiatu Carnuvali cu tuttu lu liettu e l’annu caricatu sobbra, ti costi a iddu li mietici e l’infirmieri, subbutu nc’annu puntatu na flebbu ti ottavianu e chianu chianu hannu vistu ca Carnuvali se risullivatu.
Strata strata, li cristiani ca lu canuscinu a ci chiù nci tava cosi ti mangiari, li mietici ssaggiaunu e faciunu mangiari Carnuvali, furnuta la prima flubbu ti teci litri nci n’annu ttaccata n’atra, stavota ti primitivu.
Cu llu fannu stari alliegru masculi e femmini sannu misi a sunari, a ballari, a cantari, iddu se fattu bellu russu russo, si vitia ca li sta piacia.
E truvati li forzi è dittu:
“Non mi nni fottu nienti ca eti l’urtumu giurnu mia ma lu vogghiui vivu cu lla gioia e l’alligria e non c’eti nienti chiù megghiu ti sta bella cumpagnia.”

e per chi non conosce il Mesagnese…

E’ da questa mattina, che a Mesagne vi è un gran fermento, persone che vanno e vengono dalla casa di quel poveretto, stanno cercando di aiutarlo.
Quel signore si è sentito male appena alzatosi, le forze gli mancavano, la moglie che lo ha visto in quello stato, gli ha preparato uno zabaione con sei uova e glielo ha fatto bere, dal suo viso si percepiva che non stava bene, era molto pallido, parlava poco e piano-piano.
A mezzogiorno, i vicini di casa, tutti dal cuore d’oro, gli hanno portato, chi una pentola di fagioli, chi una padella piena di polpette di carne equina appena fritte, chi degli involtini di carne legati con lo spago grandi come un pugno di un uomo, chi della salsiccia arrostita, quella fine e quella grossa, un signore che abita all’angolo, gli ha portato due damigiane di vino, uno di malvasia nera e l’altra di aleatico, tutto questo nella speranza di farlo riprendere almeno un poco.
Lui ha mangiato tutto quello che ha ricevuto, i vicini l’hanno visto un po’ meglio, ha detto qualche parola ma dopo poco si è sentito ancora male.
La moglie come l’ha visto stare nuovamente male si è messa a gridare e le persone del vicinato sono accorse per vedere cosa fosse successo.
Tutti si sono dati da fare, alcuni sono andati a Brindisi per chiamare il miglior dottore, altri sono andati a Lecce ed altri sono andati a Bari per prendere il miglior primario dell’ospedale.
Oggi pomeriggio c’è stato il consulto con sei medici.
Il primo medico ha detto:
“Non è opportuno tenerlo in questa casa, bisogna portalo fuori, il moribondo deve prendere aria, deve respirare l’aria del paese, deve vedere la villa e la piazza, deve mangiare all’aperto qualcosa e deve bere molto.”
Il secondo medico ha detto:
“Esimio collega, sono d’accordo col tuo parere, però noi prima di dare da mangiare al malato dobbiamo assaggiare ogni cosa per vedere se il cibo è buono e non può fargli male.”
Gli altri medici subito si sono trovati d’accordo.
Quando la moglie ha sentito che dovevano portare via Carnevale, il marito suo, si è messa a piangere ed insieme a lei hanno iniziato a piangere i parenti ed i vicini di casa.
Subito hanno approntato un carretto con un bel cavallo mansueto, hanno preso Carnevali con tutto il letto e lo hanno sistemato sul carretto, accanto a lui i medici e gli infermieri, gli hanno sistemato una flebo di ottaviano e piano-piano hanno visto che Carnevale migliorava.
Lungo il percorso, le persone che lo conoscevano gli portavano cose da mangiare, i medici assaggiavano e facevano mangiare Carnevale, svuotata la prima flebo da dieci litri, gli hanno sistemato un’altra, questa volta di primitivo.
Per tenerlo sveglio e in allegria, uomini e donne si son messi a suonare, a ballare, a cantare, lui si stava riprendendo, il suo viso si è fatto bello rosso-rosso, era evidente che il tutto gli stava piacendo.
E ritrovate le forze ha detto:
“Non mi interessa che oggi è il mio ultimo giorno, ma lo voglio vivere nella gioia e nell’allegria e non c’è niente di meglio di questa bella compagnia.”

    Print       Email