Loading…
You are here:  Home  >  Featured  >  Current Article

Parlata sangiorgese…

Scritto da   /   gennaio 11, 2012 4:17 pm  /   Commenti disabilitati su Parlata sangiorgese…

Di Anna Marinelli

Sapori e profumi di cose semplici Fogghie  mmiscke Per fogghie mmiscke si intende una varietà di verdure  che crescevano spontanee nelle campagne pugliesi tra i filari dei vigneti e/o tra un albero e l’altro  degli uliveti. Nel periodo di riposo delle colture e uscendo dal rigido clima invernale,  al primo sole di primvera e subito dopo le prime piogge,la campagna si ricopriva di queste speciali verdure che solo il contadino sapeva distinguere e  delle quali si  approvvigionava abbondantemente. Fra le varietà più ricorrenti ne citiamo sei.. cicuredda, gneta , rapi-cioccizangòne, spruscina, cimaredde.Per quattro di esse esiste una denominazione conosciuta: Cicoria , bietola ,rape selvatiche  e asparagi selvatici, per altre due, sprùscina e zangòne ci si attiene alla voce del popolo. Queste verdure si accompagnavano alla purea di fave bianche e con essa costituivano un binomio indissolubile ” Fave e fogghie” . Il  lunedì ed il venerdi erano i giorni in cui si consumava questa pietanza nella maggior parte delle famiglie. Sia le fave che le verdure erano servite ”mministrati” in grandi piatti” piattriàli” di terracotta provenienti dalla vicina Grottaglie abilmente decorati a mano e recanti al centro il tipico “galletto”  simbolo ricorrente che caratterizza le ceramiche grottagliesi. Da questi piatti tutti i membri della famiglia attingevano con piccoli pezzi di pane e qualche forchettata a turno.  Le fave si cuocevano nei forni pubblici  in particolari pentole dette ” le pignate” le quali erano di terracotta smaltata all’interno e all’esterno.Il retro di questi recipienti era contrassegnato da un simbolo o dalle  iniziali della famiglia d’appartenenza. La fornaia, man mano che tirava fuori dal forno una “pignata” chiamava all’appello i rispettivi proprietari ,qualche volta servendosi anche di variopinti “soprannomi” . Ai forni pubblici si cuoceva  due volte al giorno  e si sfornava a mezzogiorno e al tramonto.

    Print       Email

About the author

L' 1 Dicembre 2004, pubblica il primo numero in formato cartaceo di "Giornale Armonia", mensile d’informazione locale in distribuzione gratuita per tutto il territorio tarantino, trasformandosi successivamente in edizione on line attualmente in rete. www.giornalearmonia.it