Loading…
You are here:  Home  >  Eventi & Cultura  >  Spettacoli  >  Current Article

PROGETTO “VIVERE NON RECITARE” CON LA CASA CIRCONDARIALE E LE SCUOLE DI TARANTO

Scritto da   /   dicembre 16, 2016 11:49 am  /   Commenti disabilitati su PROGETTO “VIVERE NON RECITARE” CON LA CASA CIRCONDARIALE E LE SCUOLE DI TARANTO

Si avvia alla conclusione il progetto “Vivere non recitare”. Il progetto ha come capofila il Vittorino da Feltre diretto dalla Preside Alessandra Larizza e prevede il coinvolgimento della Casa Circondariale di Taranto diretto da Stefania Baldassari, dell’Istituto Comprensivo Don Bosco diretto dalla Prof.ssa Carmen Acquaro, del Ciofs/fp Puglia, e dell’Associazione di Promozione Sociale Massimo Troisi che si è occupata della conduzione dei laboratori e della costituzione della rete di partner. Sono stati infatti coinvolti a livello nazionale la Scuola Italiana di Playback Theatre, il MUSE di Roma, il Teatro Patologico di Dario D’Ambrosi e la Compagnia di Teatro Stabile Assai di Roma nella persona di Antonio Turco, direttore di area pedagogica e responsabile delle attività culturali presso Rebibbia reclusione.
Ha coordinato le attività dell’intero progetto la Prof.ssa Decaroli Eliana, per la parte realizzata presso l’Istituto Comprensivo è stata investita invece la prof.ssa Carmen Salluzzi.
A partire da maggio 2016 sono stati avviati e condotti i laboratori di recitazione (tenuti da Maria Teresa Liuzzi e Raffaele Boccuni dell’Associazione Massimo Troisi) e musica (tenuti dalla prof.ssa Elisa Buono). I laboratori sono finalizzati alla realizzazione di uno spettacolo, la cui regia è stata curata dall’esperta di teatro del MUSE Alessia Berardi. Lo spettacolo sarà quindi rappresentato dagli allievi sia in carcere che presso l’Auditorium Tarentum.
I detenuti invece hanno lavorato con il Playback Theatre, un teatro ideato da Johnathan Fox e che rintraccia le sue radici nello psicodramma di Moreno. La grossa scommessa è stata quella di proporre ai detenuti un teatro di improvvisazione che è utilizzabile in contesti sociali. I partecipanti hanno accettato di buon grado di mettersi in gioco profondendo impegno e partecipazione. Anche la direzione del carcere, nella persona della direttrice Stefania Baldassari, ha appoggiato in toto il progetto favorendone la realizzazione e attuazione.
Questo tipo di proposta ha messo i detenuti nelle condizioni di mettersi al servizio di quella società nei cui confronti si sono resi rei. L’attore di Playback Theatre, infatti, compie un atto di servizio nei confronti del suo pubblico, restituendo dignità a quelle storie che lo stesso pubblico racconta. Un progetto dunque che persegue anche quella giustizia riparativa di cui sempre più si sente parlare.
Il progetto si è avvalso anche di un lavoro di ricerca condotto dalla psicologa Lucia Pastore, la ricerca ha in animo di valutare quanto i laboratori artistici siano in grado di produrre cambiamento e integrazione, e quanto un tipo di teatro, come il P.T., sia in grado di sconfiggere i pregiudizi tanto dei detenuti nei confronti della società, quanto e soprattutto della società nei confronti del mondo del dentro.
Per la prima volta in Italia viene utilizzato il P.T. in carcere per creare integrazione tra disabili, allievi, le loro rispettive famiglie ed i detenuti.
Proprio per la grande valenza sociale il progetto, oltre ad essere finanziato dal MIUR, è stato altresì patrocinato dal Comune di Taranto nella persona del Sindaco Stefano ed ha altresì suscitato l’interesse del Coordinamento Nazionale Teatro in Carcere che ha espresso grande interesse per la sperimentazione di laboratori teatrali volti a creare integrazione tra il mondo del dentro e il mondo della disabilità.
Ormai mancano pochi giorni al temine del progetto. Prossimo appuntamento il 15 dicembre alle ore 09:30 dove gli alunni del Vittorino da Feltre metteranno in scena per la popolazione carceraria lo spettacolo “Amici si può”. Il testo prende spunto dalla Trilogia dell’amicizia di Sepulveda e vuole trasmettere i valori di amicizia e solidarietà che possono nascere dalla e nella diversità. Il lavoro teatrale ha puntato sulla integrazione tra disabili e normodotati, e tra coloro che abitano il mondo del fuori e coloro che vivono il mondo del dentro. Questo perché il disagio può avere diverse facce, ma produrre gli stessi effetti in termini di emarginazione, indifferenza, esclusione, e la reciproca conoscenza è l’unica capace di abbattere i muri costruiti dai pregiudizi. Lo stesso spettacolo sarà poi riproposto presso l’Auditorium Tarentum sempre il 15 dicembre alle 18.
Invece Il 17 e il 18 dicembre Gigi Dotti Trainer riconosciuto dalla Scuola di Playback Theatre di New York, nonché psicologo, psicodrammista e direttore di Playback Theatre terrà un laboratorio rivolto tanto ai detenuti che agli allievi del Vittorino da Feltre che ha proprio l’obiettivo di creare conoscenza e integrazione tra il mondo del dentro e del fuori. Il laboratorio sarà la premessa dell’evento finale che si terrà il 19 Dicembre, con uno spettacolo che porta sul palcoscenico non attori, ma uomini, perché “Vivere, non è recitare”!
In foto la responsabile del progetto Dott.ssa Maria teresa LIUZZI
Giornale Armonia Registrato al Tribunale di (Ta) N. 638 del 23/11/2004

Pubblicità

    Print       Email
  • Publicato: 3 anni fa il dicembre 16, 2016 11:49 am
  • Da:
  • Ultima modifica: dicembre 16, 2016 @ 11:49 am
  • Categoria: Spettacoli

About the author

L' 1 Dicembre 2004, pubblica il primo numero in formato cartaceo di "Giornale Armonia", mensile d’informazione locale in distribuzione gratuita per tutto il territorio tarantino, trasformandosi successivamente in edizione on line attualmente in rete. www.giornalearmonia.it