Loading…
You are here:  Home  >  Comuni  >  Bari & Provincia  >  Current Article

Primarie centrosinistra .Guglielmo Minervini inaugura il comitato elettorale di Bari.

Scritto da   /   ottobre 19, 2014 3:56 am  /   Commenti disabilitati su Primarie centrosinistra .Guglielmo Minervini inaugura il comitato elettorale di Bari.

di Eleonora Arnesano
Sabato 18 Ottobre è stato inaugurato a Bari in  Via Putignani 14  il comitato  elettorale di Guglielmo Minervini, assessore regionale  uscente alle politiche giovanili del partito democratico, candidato alle elezioni  primarie del centrosinistra del 30 Novembre prossimo  che lo vedranno in competizione con  Michele Emiliano, segretario regionale del PD,  e il senatore Dario Stefano esponente vendoliano  di Sinistra ecologia e Libertà, per la definitiva scelta  del candidato ufficiale alla  Presidenza della Regione Puglia alle elezioni della prossima primavera.

Il “Nodo” è l’altra parola chiave che si aggiunge a quella scelta per la competizione preliminare, “La Forza“, parole  apparentemente  distanti, ma in realtà complementari ed evocative, scelte  da quest’uomo tanto  esile  da apparire fragilissimo,  dal quale, tuttavia,  sgorga una fortissima carica interiore  capace di contagiare tutte le persone che affollavano il comitato.  Minervini parte dal “Nodo”  una struttura semplicissima  allestita con materiali di risulta disposta dai giovani che lo accompagnano in questa avventura, fino  a qualche ora prima ancora indaffarati  alfine renderla  fruibile in tempo utile  per la conferenza stampa, (in una maniera geniale e al tempo stesso raffinata da lasciare piacevolmente sorpresi), per farne un luogo , come egli stessoha affermato di  “straordinaria  opportunità e per tirar fuori il valore delle persone“, una struttura destinata  a durare per completare  cambiamento iniziato dal 2005 che, evidentemente,  è ancora lungi da essere realizzato.  Il Nodo e la  Forza serviranno a recidere i nodi gordiani che ancora insistono in politica,  per Minervini  questo si realizza invertendo i canoni  che fino ad oggi  hanno condizionato il corso stesso, perché,   afferma, “è politica che deve convogliare tutte le energie che conferiscono  dai cittadini”  per restituirle a loro stessi, , è questo il senso della sfida. Per quanto relativo alle proposte programmatiche Minervini  afferma che il cuore del problema è mettere in condizione  la Puglia  di andare oltre la crisi, per cui il combinato disposto tra la drammatica crisi sociale che ha stremato le famiglie alle prese  il dramma della perdita  di lavoro e della Disoccupazione e le problematiche inerenti  le condizioni del territorio suggeriscono la prima grande idea’ ovvero: varare  un piano per “accudire la Puglia” mediante l’apertura di trecento cantieri cui concorrano non soltanto aziende pubbliche, ma anche  piccole e medie imprese, professionisti disoccupati, alfine di  combattere il dissesto idrogeologico, valorizzare il patrimonio artistico,  prendersi cura dei beni comuni, in definitiva. Cinquemila persone da impiegare  per tre anni con Mille euro al mese per Sistemare e ripulire alvei dei corsi d’acqua, delle lame, riordinare archivi comunali, recuperare siti archeologici, la cui attività potrebbe creare benefici all’indotto turistico. “Le risorse per il piano sono disponibili“, afferma l’assessore, mediante l’uso di Fondi Europei  e Regionali, è possibile varare quello che definisce  il “Piano Marshall per la Puglia“. E ancora in cantiere fervono proposte per incoraggiare le aziende all’innovazione, e  seguiranno altri incontri nel corso dei quali le idee saranno dispiegate. Alla domanda di una collega  del perché non mettere in cantiere da subito le idee illustrate, ha replicato che la sua candidatura risponde all’auspicio e l’ambizione che queste escano dall’ambito delle politiche settoriali, e ,sotto la sua guida,  assumano forma di vero e proprio sistema, così come non ha glissato la domanda sui tagli agli stanziamenti Stato Regioni previsti  nel DPF  varato dal Governo Renzi, rispondendo che pur condividendo il tentativo che il Premier  sta avolgendo con le politiche di razionalizzazione delle spese statali necessarie per dare una scossa al sistema Italia, è fiducioso che la discussione  in atto nell’Associazione delle Regioni e grazie al suo  Presidente , Sergio Chiamparino, le reciproche necessità possano trovare  ragionevole mediazione.

 

    Print       Email