Loading…
You are here:  Home  >  Comuni  >  Brindisi & Provincia  >  Current Article

FRANCAVILLA FONTANA. IL LEGAME ANCESTRALE TRA ULIVO E UOMO . LA RASSEGNA “URLO D’ULIVO”

Scritto da   /   gennaio 30, 2015 5:25 pm  /   Commenti disabilitati su FRANCAVILLA FONTANA. IL LEGAME ANCESTRALE TRA ULIVO E UOMO . LA RASSEGNA “URLO D’ULIVO”

Di  Eleonora Arnesano
E’ un legame millenario quello che unisce la terra di Puglia,  il suo popolo e l’albero di ulivo.  Per tutta la nostra regione è facile imbattersi in piante che  derivano  da ceppi originari impiantati dalle popolazioni  insediatesi  più di tremila anni or sono , gruppi di esemplari, a volte anche sconosciuti,   che testimoniano  il respiro della storia e il lavoro duro di potatura e accrescimento del punto verde delle piante,    un opera che , verosimilmente,   la natura da sola non avrebbe  mai potuto svolgere.  L ‘ulivo è  un “alleanza tra terra e uomini”, come ha scritto cantautore tarantino Mimmo Cavallo, ” è la ragione del nostro esistere che ci fa sentire vivi, sessanta milioni di ulivi…. “, è  il dono   che la natura ha fatto  all’uomo affinché  dall’essenza del suo frutto egli tragga linfa di vita e sussistenza.  L’ulivo parla, urla, contribuisce, grazie al lavoro manuale  dell’uomo ad accrescere il suo valore intellettuale,   esaltandosi   mediante  l’arte e le sue variegate forme di manifestazione. La rassegna “Urlo di Ulivo Diversi  linguaggi dell’arte contemporanea” organizzata da Sae  a cura di     Ottorino Picardi e Antonella Zito, iniziata   nella cittadina salentina Domenica 25 Gennaio, esalta in pieno questa attività.  La pianta d ‘Ulivo fno all’ 8 Febbraio  sarà  celebrata da  vernissage, video arte, perfomances teatrali, letteratura.    Sabato 31 Gennaio    nel prestigioso castello degli Imperiali,  è  di scena la letteratura  con l’opera dello storico e giornalista Riccardo Riccardi,   che terra’ una conversazione sul tema “l’olio di buona qualità’ dell’impresa di Felice Garibaldi in Puglia”.

A merito dell’encomiabile  lavoro di ricerca  svolto con passione certosina da Riccardi,   documentato nel suo libro “L’impresa di Felice Garibaldi e il Risorgimento in Puglia (1835- 1861)”,  per i tipi di Congedo Editore,  la vita del fratello più giovane  di uno dei padri della patria, il generale Giuseppe, viene liberata dalla polvere dei secoli.  Felice,Uomo educato, molto amato, colto e rispettoso del prossimo,   esportò l’olio pugliese in tutta Europa e la sua attività contribuì alla floridezza economica delle terre baresi. Divenuto imprenditore e proprietario di un negozio a Bari, non poté completare la sua opera a seguito dell’insorgenza di un male incurabile che lo avrebbe portato alla fine ancora giovane. L’autore fa venire alla luce  anche la storia d’amore di Felice con una giovane donna giovinazzese, Chiarina Genchi,  che lo seguirà  fino all’ultimo giorno e che verrà  liquidata dalla famiglia  Garibaldi al pari di una collaboratrice domestica.  Una storia avvincente ai più sconosciuta nata intorno all’olio che non mancherà di suscitare interesse e curiosità.  Introdurrà’ l’evento l’esperta in comunicazione  Giovanna Ciraci‘  con  conclusioni   affidate  al  critico e saggista Carmen De Stasio. L’attrice Floriana Uva, interpreterà passi salienti del  libro contrappuntata  da brani musicali di cultura popolare eseguiti  dal  maestro fisarmonicista Marco Pasculli.

Ingresso libero.

Pubblicità

Segnala questo articolo su Facebook Twitter e Google

    Print       Email
X